consiglio generale - canonici regolari

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

la comunità




INFORMAZIONI DEL CONSIGLIO GENERALE:


ROMA
7 —17 gennaio 2019

     Il Consiglio Generale, convocato dal Superiore Generale, P. Rinaldo Guarisco, con lettera Prot. S G 68/2018, si riunisce lunedì 7 gennaio 2019 alle ore 16.30 nella Casa generalizia. Sono presenti: il Superiore Generale P. Rinaldo Guarisco, il Vicario Generale P. Francesco Tomasoni, i Consiglieri P. Angelo Segneri e P. Giuseppe Chiarini. P. Thomas Dome è assente giustificato a motivo delle gravi condizioni di salute di suo padre; si è comunque in contatto con lui mediante videochiamata.
Si procede inizialmente alla lettura e all’approvazione dei verbali del Consiglio generale del 30 giugno-17 luglio 2018 e di altri incontri avuti nel frattempo da parte del Superiore generale con il suo Consiglio.

SITUAZIONE ECONOMICA E IMMOBILI DI PROPRIETÀ DELLA CONGREGAZIONE
      Ci si confronta con l’Economo generale sulla gestione economica della Congregazione. Il Consiglio generale e l’Economo rinnovano a ciascun confratello e Comunità locale e/o territoriale l’invito a procedere nel rispetto delle norme vigenti nel Paese in cui si opera, specialmente per quanto concerne i rapporti con i dipendenti.
Per quanto riguarda il terreno di nostra proprietà sito nel Comune di Ponte di Legno, non si ritengono mature le condizioni per inoltrare la richiesta di intervento sul Piano di Governo del Territorio in vista di una modifica della destinazione d’uso (da agricolo a fabbricabile), perché ciò comporterebbe un esborso oneroso per la Congregazione, senza una sicurezza di ottenere i risultati sperati.

CASA GENERALIZIA
        Per quanto riguarda la Casa Generalizia, è terminata l’ultima fase dei lavori progettati, sotto la supervisione di P. Giampaolo Tortelli (il quale nel frattempo si è trasferito nella Comunità di Montichiari).
Il Superiore della Comunità, P. Luigi Franchini, si sta pian piano addentrando nella gestione della Casa generalizia, con l’aiuto e la condivisione dei confratelli che vivono con lui.

AGGIORNAMENTO SULLA SITUAZIONE DELE COMUNITÀ TERRITORIALI
1. California
Prosegue con serenità a Santa Paula la vita della Comunità CRIC e il noviziato di Johnny Angel Amaro. P. Thomas Dome è stato accettato dall’Arcidiocesi di Los Angeles come Amministratore parrocchiale della Parrocchia di N. Signora di Guadalupe.

2. Perù
In questi ultimi mesi, destano preoccupazione le condizioni di salute di alcuni confratelli del Perù. P. Rediberto Lazo si sta prendendo cura della Parrocchia di Pueblo Nuevo, facendo la spola tra questa e la Casa di formazione S. Agustin di Piura.
Un segno di speranza viene dalla Comunità di Piura, dove uno dei postulanti, John Paul Flores Del Castillo, ha fatto richiesta di essere ammesso al noviziato. Il Superiore generale, con il consenso del Consiglio, accoglie la richiesta e lo ammette al noviziato che, salvo imprevisti, inizierà il 19 marzo a Piura, sotto la guida di P. Rediberto Lazo.

3. Brasile
Un segno di speranza viene dal resto della comunità brasiliana: Infatti, i confratelli si sono visti quasi obbligati a ripensare la loro attività pastorale riorganizzandola in maniera più comunitaria e “sinodale”. Il presente stato dei fatti, pertanto, da necessità è stato trasformato in opportunità, con la stesura comunitaria del “Progetto pastorale 2019”, che coinvolgerà i nostri confratelli e le tre parrocchie loro affidate secondo il programma di una comunità pastorale e che, previa approvazione dell’Arcidiocesi di Goiania, dovrebbe iniziare a essere messo in atto dal mese di febbraio.
Inoltre, terminato il triennio di professione temporanea, P. Renato Inacio Da Silva ha chiesto di rinnovare la professione religiosa per un anno. Il Superiore generale, con il consenso del Consiglio, accoglie la  sua domanda e, nel contempo, delega P. Giuseppe Chiarini, Animatore territoriale del Brasile, a ricevere la professione di P. Renato, che si terrà il 25 marzo.

4. Italia
Il Consiglio generale non si è occupato molto della situazione delle Comunità locali dell’Italia, anche in considerazione del fatto che ci troviamo nel bel mezzo dell’anno pastorale. Il Superiore generale, che intanto si è stabilito a Roma, nei prossimi mesi avrà cura di incontrare i singoli confratelli e le Comunità.
Si ricorda a tutti l’ormai imminente ordinazione presbiterale di P. Erasmo Fierro, fissata per il 23 febbraio presso la sua parrocchia d’origine di Mairano (BS). Dopo l’ordinazione, il Superiore generale presenterà P. Erasmo al Card. Angelo De Donatis come Vicario Parrocchiale di S. Maria R. Pacis, dove nel frattempo il Padre si è già trasferito.

CONFRATELLI E COMUNITÀ DIRETTAMENTE DIPENDENTI DAL SUPERIORE GENERALE
1. Inghilterra
P. James Cassidy relaziona sulla vita della Comunità CRIC inglese. Dopo un anno di spostamento a Daventry, sempre nella Diocesi di Northampton, la situazione è entrata nella routine quotidiana. In questi mesi, tuttavia, P. Allan Jones è a Leuven per completare gli studi dottorali. Anche per questo motivo, P. James Cassidy auspica le visite fraterne dei confratelli.

2. Francia
Dopo la morte, il 1 dicembre scorso, di P. Alexandre Simon, restano in Francia tre confratelli: P. Bernard Loy, a Charroux, il quale, nonostante gli acciacchi dovuti all’età, va avanti abbastanza bene; Fr. Louis Saulnier, in Casa di riposo a Poitiers; P. Lucien Aubert, a Saint-Lô. Il Superiore generale ha programmato una visita ai confratelli francesi per il mese di maggio.

CAMMINO FORMATIVO CRIC
       Ampio spazio del Consiglio generale è stato dedicato all’analisi del cammino formativo in corso, scaturito dalle delibere del Capitolo generale 2018. Il Superiore generale e il suo Consiglio sono soddisfatti del lavoro finora svolto e auspicano che tutte le Comunità possano metterlo in atto. È giunto alla Commissione per la formazione permanente numeroso materiale, come sintesi degli incontri svolti a livello di Comunità locale, o di Casa di riferimento, o dei singoli confratelli. Alcune Comunità territoriali, tuttavia, per motivi vari, non hanno inviato la sintesi degli incontri svolti. Il Superiore generale e il suo Consiglio ribadiscono l’importanza che tutti seguano il metodo proposto, affinché i frutti che ne potranno derivare siano più copiosi e utili a un più ampio livello.
Riflettendo su come proseguire il cammino formativo, il Consiglio si è anche confrontato con una lettera indirizzata al Superiore generale da Mons. J. Rodriguez Carballo, Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. Questa missiva, datata al 15 ottobre 2018, rappresenta la risposta della CIVCSVA alla comunicazione rivolta a suddetto dicastero dal Capitolo generale 2018, relativamente all’elezione del nuovo governo CRIC e allo stato attuale della Congregazione.
Il Superiore generale intende rendere nota la lettera a tutti i confratelli, perché in essa, al di là della formalità che rappresenta, si danno alcuni suggerimenti concreti per il futuro della vita CRIC. Alla luce anche di questo testo, per il prosieguo del cammino formativo, si stabilisce di procedere nella seguente modalità:

a. Febbraio – maggio 2019: consegna ai confratelli di una relazione di sintesi sul cammino svolto dalle Comunità territoriali e dai singoli confratelli nei mesi ottobre 2018-gennaio 2019; analisi specifica dei singoli voti religiosi, nella prospettiva comunionale e profetica (cf. Delibere capitolari n. 1 e 3 [già analizzate in questi mesi, e che verranno quindi approfondite] e n. 7: “Attualizzare e concretizzare la pratica comunitaria dei consigli evangelici, affinché diventino sempre più segno profetico per il mondo di oggi, orientandosi su scelte concrete e condivise dall’intera Congregazione o almeno dalla Comunità locale”); consegna della lettera di Mons. Carballo.
b. Anno 2019-2020: riflessione a partire dalla lettera di Mons. Carballo, cercandone punti applicativi concreti in prospettiva missionaria (cf. Delibera capitolare n. 8, sulla pastorale di comunione, già analizzata in questi mesi, e che verrà quindi approfondita).
Come metodo di lavoro mensile, si prosegue con l’utilizzo dell’analisi SWOT. Si chiede pertanto alle Comunità e ai confratelli di inviare sintetiche risposte alle domande proposte, le quali, su un determinato tema, mirano a riconoscere punti di forza/debolezza presenti all’interno della Comunità CRIC, e opportunità/minacce che si affacciano dall’esterno della Congregazione stessa. Sarà cura della Commissione per la formazione permanente elaborare le schede mensili e inviarle agli Animatori delle Comunità territoriali e ai confratelli e Comunità direttamente dipendenti dal Superiore generale.

VARIE
• Per quanto riguarda la rivista “La Voce della Comunità”, il Superiore generale nomina P. Stefano Liberti come Capo-redattore. P. Rinaldo Guarisco continuerà a collaborare alla redazione della rivista quadrimestrale. Inoltre, egli chiede la collaborazione di ciascun Animatore territoriale per individuare un corrispondente per il bollettino, affinché esso riacquisti una dimensione internazionale, tipica della nostra Congregazione.
• Per esprimere la vicinanza e la comunione a tutti i confratelli, il Superiore generale e il suo Consiglio, accanto a una riunione nella Casa generalizia, progettano di effettuare ogni anno una seconda sessione di incontri del Consiglio generale fuori Roma, in una delle nostre Comunità locali.
• Il Superiore generale ricorda il prossimo importante appuntamento della Confederazione CRSA: dal 1 al 5 luglio 2019, a Sion si svolgerà il Congresso triennale. Appena giungeranno comunicazioni sulle modalità di partecipazione, il Superiore generale ne renderà partecipi i confratelli.

Il Superiore Generale, trattati tutti gli argomenti previsti per questo Consiglio, lo dichiara ufficialmente terminato.
Il prossimo Consiglio Generale è fissato per i giorni 17-28 giugno 2019, nella Casa Generalizia di Roma.

Roma 17 gennaio 2019
P. Angelo Segneri Seg. Gen.








 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu