best 
free website hit counter

Consiglio Generale - canonici regolari immacolata concezione

Vai ai contenuti

Menu principale:

la comunità


 
INFORMAZIONI DAL CONSIGLIO GENERALE
Roma 11-21 gennaio 2021
 

 
 
Con il presente foglio informativo, rendiamo partecipi i confratelli dell’ultima riunione del Consiglio Generale, tenuta dal 11 al 21 gennaio nella Casa generalizia di Roma. Sono stati presenti agli incontri il Superiore Generale P. Rinaldo Guarisco, il Vicario Generale P. Francesco Tomasoni, il Consigliere P. Angelo Segneri. I Consiglieri P. Giuseppe Chiarini e P. Thomas Dome, che non sono potuti venire a Roma a motivo dell’emergenza sanitaria COVID-19, sono stati in collegamento costante per il tramite di videochiamata.
Nel corso di questa sessione del Consiglio ci si è occupati soprattutto dei seguenti temi:

1) Situazione delle Comunità territoriali e delle Comunità e confratelli direttamente dipendenti dal Superiore generale;
2) Preparazione del Consiglio generale allargato.

*********************************************************

1) Situazione delle Comunità territoriali e delle Comunità e confratelli direttamente dipendenti dal Superiore generale;

1.1. Comunità territoriali
a. Brasile
Nella sua relazione scritta inviata al Consiglio generale, l’Animatore P. Giuseppe Chiarini descrive la vita della Comunità territoriale, gravemente provata nel luglio scorso dalla morte, a causa di covid-19, di P. Fiorenzo Bertoli, allora Superiore della Comunità locale. Nel frattempo, per provvedere all’urgenza verificatasi, il Superiore generale con il consenso del suo Consiglio aveva nominato P. Clemente Treccani in qualità di Superiore locale. L’Animatore territoriale riferisce delle notevoli difficoltà che la Comunità territoriale sta attraversando in questo periodo, già drammatico a motivo della pandemia, e reso ancor più difficile dall’estrema esiguità numerica dei confratelli brasiliani.
Pertanto, d’accordo con loro, il Superiore generale con il suo Consiglio elabora un rinnovato “Progetto CRIC Brasile”, che li possa aiutare in primo luogo a rinvigorire la loro vita fraterna.
Con lui si sposteranno in Seminario, in uno spazio a loro dedicato e non intralciante la vita dei confratelli, anche la missionaria laica Maria Ausilia Oddo, da più di 35 anni collaboratrice dei nostri confratelli in Brasile, insieme con la sua famiglia. P. Clemente Treccani, invece, mantiene il ruolo di economo della Comunità e l’incarico di legale rappresentante presso il governo statale e federale.
Il Superiore generale, avendo ascoltato a lungo ciascuno dei confratelli interessati, è speranzoso che il nuovo progetto di vita fraterna possa rivitalizzare la cara Comunità territoriale CRIC del Brasile.

b. California
P. Thomas Dome, Animatore territoriale della Comunità CRIC USA relaziona oralmente sull’andamento della Comunità californiana. P. Charles Lueras è da poco tornato a vivere a S. Sebastian dopo alcuni mesi durante i quali, su richiesta dell’Arcidiocesi di Los Angeles, ha operato come amministratore nella Parrocchia “La Purisima” a Lompoc. Perno della Comunità territoriale è senz’altro la Dom Gréa House, dove la vita procede serenamente a livello comunitario e liturgico.
egni di speranza vengono da Fr. Derek William Curtis, Fr. Eric David Faris, Fr. Vincent Raymond Padilla III, Fr. Anthony Vincent Ribaya, Fr. Edward More Gerard Seeley, Fr. José Giovanni Hernández Vizcarra, i quali hanno iniziato il loro noviziato l’8 dicembre scorso. Nel frattempo, finalmente è tornato a vivere in Comunità, sempre nella D. Gréa House, anche P. William Ustaski, decano della Comunità territoriale.
Inoltre, i CRIC californiani hanno avviato un progetto di fondazione di una comunità religiosa femminile di Canonichesse Regolari dell’Immacolata Concezione, strettamente legate alla nostra Congregazione, nel carisma, nelle attività, e si auspica anche a livello giuridico. Attualmente ci sono tre giovani donne che stanno conducendo vita comune, nei pressi della Dom Gréa House.

c. Italia
L’Animatore P. Giuseppe Beffa non presenta una relazione scritta al Consiglio generale, ma comunque il Superiore generale è in dialogo costante con lui. Numerosi avvicendamenti si sono verificati nei mesi scorsi in quasi tutte le Comunità locali italiane. Pertanto in sede del Consiglio generale l’attenzione principale del Superiore generale è stata quella dell’ascolto dei confratelli e dell’accompagnamento delle singole Comunità.
A Roma, il Superiore ha formalmente richiesto ai confratelli interessati di intensificare la collaborazione pastorale tra le Parrocchie S. Maria Regina Pacis e S. Giulio. Per quanto riguarda la Parrocchia della Natività di Maria, prosegue il periodo di assestamento dopo la nomina del nuovo Parroco e, pertanto, sarà cura del Superiore generale e del suo Consiglio accompagnare più da vicino quella cara Comunità locale nei prossimi mesi.

d. Perù
Nella relazione per il Consiglio generale, l’Animatore P. Alvaro Carpio accenna alla difficile situazione dei confratelli e delle comunità peruviane a motivo del covid-19.
Notizie di segno alterno giungono dalla Casa di formazione S. Agustín di Piura.
Il Superiore generale è consapevole di come la situazione dei nostri confratelli peruviani sia spesso gravosa, non disponendo sempre di adeguati mezzi di sussistenza e/o di assistenza sanitaria, e quasi costretti a vivere isolati e in zone molto povere da tanti punti di vista. Per questo, egli plaude a tutti gli sforzi che stanno mettendo in atto e li incoraggia a proseguire con fedeltà al carisma CRIC.


1.2. Comunità e confratelli direttamente dipendenti dal Superiore generale
a. Inghilterra
P. James Cassidy invia al Consiglio generale una schematica relazione nella quale informa sulla vita comunitaria e pastorale condotte a Daventry da lui e P. Allan R. Jones. Dal punto di vista pastorale, i confratelli sono quasi bloccati a motivo del covid-19, e cercano di portare avanti le poche attività che è possibile svolgere (liturgia, sacramenti, ecc.). Dal punto di vista comunitario proseguono serenamente, anche nella fedeltà mensile al cammino formativo CRIC, da loro però ritenuto troppo “italo-centrato” e per la preparazione del quale auspicano in futuro il coinvolgimento anche di confratelli non italiani.

b. Francia e Canada
Nessuna novità di rilievo è da segnalare sui confratelli di Francia e Canada.


2) Preparazione del Consiglio generale allargato (=CGA)

A motivo della pandemia da covid-19 tuttora in corso, non sarà possibile svolgere il CGA in modalità presenziale, ragion per cui si svolgerà “da remoto”, e così tutti avranno l’opportunità di parteciparvi, ciascuno da casa propria. Il Superiore generale, con il consenso del Consiglio, invita alla celebrazione del CGA tutti i Confratelli, in modo particolare i Superiori locali (si veda la lettera di Convocazione del CGA, allegata alla fine del presente foglio informazioni).
Il CGA 2021, che si colloca naturalmente come una sosta inter-capitolare tra il Capitolo generale del 2018 e quello del 2024, si svolgerà da lunedì 30 agosto a giovedì 2 settembre, con un video-incontro per ciascuna giornata, dalle ore 21 alle 23 (orario di Roma).
Per prepararci al meglio a questo appuntamento, gli Animatori territoriali e i confratelli delle Comunità direttamente dipendenti dal Superiore generale invieranno alla Commissione per la formazione continua CRIC una relazione incentrata attorno a tre punti:
a) Presentazione sintetica (mediante un file ppt da proiettare in sede di CGA) delle Comunità e dei singoli confratelli, con notizie essenziali su di loro (foto, dati anagrafici, attuale luogo di residenza), per favorire la conoscenza reciproca;
b) Verifica delle modalità seguite per dare concreta attuazione alle Delibere capitolari 2018. In particolare, si indicherà in che misura è stato seguito il Cammino di formazione continua CRIC e se esso sia stato utile oppure no;
c) Indicazione di alcune linee programmatiche e prospettive future della Congregazione, in vista del Capitolo generale 2024.
La seconda e la terza parte di queste relazioni saranno consegnate alla Commissione entro la fine di giugno, affinché siano tradotte anche nelle altre lingue, in modo che possano essere fruibili per ciascun confratello.

3) Varie ed eventuali
P. Rinaldo Guarisco informa i confratelli di alcune iniziative collegate con l’Anno giubilare per il 150° di fondazione della Comunità:
• il confezionamento, affidato in Brasile a Maria Ausilia Oddo, di 100 stole con un motivo decorativo ricavato dallo stemma CRIC;
• l’emissione di un francobollo celebrativo della Congregazione, sia presso la Città del Vaticano che presso la Repubblica Italiana;
• la pubblicazione di un libro sulla storia della Congregazione CRIC, dall’epoca di D. Gréa ai giorni nostri, a cui hanno collabotao diverse comunità locali.

4) Conclusione

Il Superiore generale, pur consapevole dei limiti caratteriali di ciascuno e dell’individualismo che ci circonda, vuole rimettere al centro dell’attenzione dei confratelli la parola “sinodalità”, molto utilizzata nella Chiesa odierna, e che deve tradursi in una concreta attenzione per il dialogo e la collaborazione fraterna.
Il prossimo Consiglio Generale è fissato nella Casa generalizia di Roma dal 21 giugno al 2 luglio 2021.

Roma, 21 gennaio 2021, Memoria di Sant’Agnese


P. Angelo Segneri







 
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu